in

Papa Francesco loda gli infermieri e ricorda quella che gli salvò la vita

“Una brava donna. Anche coraggiosa, al punto di discutere con i medici, umile ma sicura di quello che faceva”

Papa Francesco

Il 3 marzo, Papa Francesco ha ricevuto nell’Aula Paolo VI i rappresentanti della professione infermieristica, definendoli “promotori della vita e della dignità delle persone”.

In questa occasione, il Pontefice voluto esprimere la sua riconoscenza a un’infermiera italiana che gli ha salvato la vita in Argentina, suor Cornelia Caraglio. Ricordando il suo esempio e sottolineandone l’umiltà e la professionalità, il vescovo di Roma ha ringraziato tutti coloro che si adoperano per salvare vite umane.

“Col vostro permesso vorrei rendere omaggio a un’infermiera che mi ha salvato la vita”,ha affermato. “È un’infermiera, una suora italiana, domenicana, che è stata inviata in Grecia come professoressa, molto colta, ma anche infermiera. Poi è andata in Argentina, e quando io a vent’anni ero vicino alla morte, è stata lei a dire ai dottori a discutere con loro, questo sì, quest’altro di più: e grazie a queste cose io sono sopravvissuto. La ringrazio e vorrei nominarla qui davanti a voi: suor Cornelia Caraglio. Una brava donna. Anche coraggiosa, al punto di discutere con i medici, umile ma sicura di quello che faceva”.

Papa Francesco ha quindi sottolineato la “preziosità” del lavoro di chi si occupa ogni giorno dei malati.

Nel contatto quotidiano con i pazienti, ha spiegato, questi professionisti dovrebbero essere “capaci di riconoscere i giusti limiti della tecnica, che non può mai diventare un assoluto e mettere in secondo piano la dignità umana”, e stare anche “attenti al desiderio, talora inespresso, di spiritualità e di assistenza religiosa”.

“Non dimenticatevi della ‘medicina delle carezze’: è tanto importante!”, ha aggiunto suscitando gli applausi dei presenti. “Una carezza, un sorriso, è pieno di significato per il malato. È semplice il gesto, ma lo porta su, si sente accompagnato, sente vicina la guarigione, si sente persona, non un numero”.

Vivendo accanto ai malati, i professionisti del settore sanitario sviluppano rapporti umani la cui chiave è “la tenerezza”, che “passa dal cuore alle mani, passa attraverso un ‘toccare’ le ferite pieno di rispetto e di amore”.

Nel suo ministero, anche Gesù “è stato vicino ai malati”. È per questo che per la Chiesa i malati sono persone in cui Cristo è particolarmente presente. Gesù ha perfino identificato se stesso con loro dicendo: “Ero malato e mi avete visitato”.

Il Papa ha infine ricordato i rischi e le difficoltà del lavoro di chi presta assistenza agli altri, come anche la mancanza di personale di cui soffre questa professione, ricevendo un’ovazione dai presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Papa Francesco

Papa Francesco: Dio ci perdona se noi perdoniamo gli altri

papa-francesco-piccolo

ALBUM PRIVATO DI PAPA FRANCESCO